giovedì 9 maggio 2013

Il paradosso dei rifiuti in Scandinavia. Di Valentina Russo.

Il paradosso dei rifiuti in Scandinavia. Di Valentina Russo.


È una storia senza fine quella dell’emergenza rifiuti in Italia, tornata alla ribalta in questi giorni con la deplorevole condizione in cui verte la città di Palermo, che riporta alla memoria il dramma vissuto nel 2011 dalla città di Napoli.  Città diversa, problema uguale: cumuli di spazzatura agli angoli delle strade, cassonetti bruciati come atto di protesta della cittadinanza, incapacità delle strutture ricettive di far fronte alla mole degli scarti quotidiani. Città del XXI secolo che devono far fronte a problemi medievali: topi, aria malsana, il pericolo del diffondersi di malattie infettive; tutto evoca immagini degne di un girone dantesco.
Tuttavia non sono casi isolati: la stessa capitale, Roma, ha il suo bel daffare con la chiusura della discarica di Malagrotta ed il tortuoso iter per trovare un nuovo sito di stoccaggio, che non le ha risparmiato, anche se in misura minore, i maleodoranti cassonetti stracolmi ed i cumuli di immondizia putrida agli angoli delle strade. Sembra un problema senza soluzione: in Italia produciamo più rifiuti di quanti siamo in grado di gestirne. Nel 2011, la città di Napoli per smaltire l’eccesso di rifiuti, ha dovuto pagare le città della Germania e dei Paesi Bassi che hanno accettato di riceverli. Continua a leggere 

0 commenti:

Posta un commento

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Hot Sonakshi Sinha, Car Price in India